Un viaggio tra arte, storia e cultura in Valsugana

La Valsugana, oltre ad essere un grande museo diffuso di opere d’arte contemporanea, è anche un territorio ricco di testimonianze storiche, risalenti principalmente all’epoca asburgica e alla Prima Guerra Mondiale. Tra spazi naturali unici e location storiche suggestive si nascondono diverse forme d’arte, ammirabili in ogni periodo dell’anno. Tra queste citiamo le più suggestive e affascinanti.

Esiste un luogo incantato dove la natura si trasforma in arte tra il silenzio di verdi boschi: si tratta di Arte Sella, uno straordinario processo creativo a cielo aperto in cui decine di artisti internazionali hanno realizzato le loro opere utilizzando solo materiali naturali quali legno, foglie, pietre, rami e alberi. La Val di Sella, oasi ricca di specie floreali, situata a soli 8 km da Borgo Valsugana, ospita da ormai trent’anni, precisamente dal 1986, questa mostra d’arte contemporanea. Visitabile in ogni momento, Arte Sella permette di apprezzare le opere e la natura che le circonda nelle colorazioni delle varie stagioni: il verde delle foglie primaverili, i gialli infuocati dell’estate, i rossi del foliage autunnale ed infine il bianco della neve d’inverno. Due sono le aree visitabili: il percorso ArteNatura che si estende per 3 km sul versante del Monte Armentera (durata percorrenza: 1 ora e 45 minuti circa) e l’area di Malga Costa, antico edificio rurale trasformato in uno spazio espositivo e culturale, la cui visita dura 45 minuti circa. Arte Sella fa parte del circuito dei Grandi Giardini Italiani e, da anni, ospita numerosi appuntamenti culturali e musicali. Quest’anno si tengono le quattro fucine musicali stagionali incentrate sul tema “Il Canto della Natura” e curate da Mario Brunello.

Un altro polo storico-artistico della Valsugana è il Castello di Pergine, maniero medievale che domina dall’alto del colle Tegazzo tutta l'Alta Valsugana dalla conca del Lago di Caldonazzo sino al torrente Fersina. Dal 22 aprile al 5 novembre è visitabile la mostra di sculture “Sense of beloning" dell’artista tedesco Roger Rigorth, le cui opere sono esposte sia lungo il percorso tra le due cinta murarie, sia nella sala d'entrata e nella Prigione della Goccia.

Il passato della Valsugana è testimoniato anche da un altro maniero, Castel Ivano, prestigiosa residenza d’epoca dal sapore rinascimentale e teatro di innumerevoli eventi.

La storia di questo territorio è raccontata anche attraverso i molteplici forti austro-ungarici e le diverse testimonianze della Grande Guerra presenti nella zona. In particolare, il Forte Colle delle Benne a Levico Terme, raggiungibile con una passeggiata dal centro, propone ogni anno visite guidate, mostre ed eventi; mentre il Forte sul Pizzo di Levico (1.907m) è meta di piacevoli trekking con partenza dall’Altopiano di Vezzena regalando una spettacolare vista sui laghi di Levico e Caldonazzo. Lungo la valle sono presenti anche delle testimonianze romane dalla Via Claudia Augusta che da Asburgo conduce fino ad Altino, vicino a Venezia.

In Valsugana Lagorai vi sono infine numerosi musei dedicati alla storia, alla cultura e alle tradizioni locali. Tra questi meritano una visita la Casa Museo Alcide De Gasperi, il Museo delle Stampe, la Mostra Permanente della Grande Guerra e la Casa Museo degli Spaventapasseri.

Hotel