Cibiana: in basso pennellate di storia tra le sue vie, in alto un Museo tra le Nuvole

Cibiana di Cadore è proprio questo. Tra le sue vie a quota 1.025 metri potrete ammirare favolosi murales che raccontano la storia del paese, mentre a 2.183 metri vi aspetta il Museo de Monte Rite noto anche come Museo nelle Nuvole.

La località è famosa per essere il paese dei murales, una grande pinacoteca a cielo aperto, dove artisti internazionali hanno dipinto sui muri delle case, la storia del paese: spaccati di vita quotidiana, che raccontano gli antichi mestieri: dal fabbro al casaro, dal mugnaio al carbonaro...
L'iniziativa nacque negli anni '80 grazie all'idea di un emigrante, Osvaldo Da Col, e ad un'importante artista, Vico Calabrò e ad oggi si contano più di 50 affreschi, che possono essere ammirati seguendo un facile percorso. Si parte dal piazzale della chiese e si raggiunge la frazione di Pianezze dove si incontra la prima opera: l'emigrante. Si scende poi verso Cibiana di Sotto - che conserva ancora oggi interessanti abitazioni risalenti al XVI, XVII e XVIII - e prima di raggiungere la piccola frazione si possono ammirare il falegname e il fabbro. Si prosegue poi per la parte bassa del paese e si risale fino a raggiungere Masariè. Da qui si ritorna al punto di partenza.

Tale percorso può essere fatto anche in bicicletta. Gli amanti della bicicletta non devono inoltre perdersi un facile itinerario che porta a percorrere le strade non asfaltate di Cibiana e i sentieri ben segnalati nel bosco. Dal percorso dei murales si prosegue verso la frazione Col, dove ha inizio uno sterrato che si inoltra nel bosco fino a raggiungere una sbarra: poco dopo, quello che vi aspetta, è davvero fantastico. Un'emozionante veduta dell'Antelao in tutta la sua imponenza e della Valle sottostante, delimitata a nord dalla Tofana di Rozes.

Da Cibiana, volgendo lo sguardo verso l'alto si ammira l'imponente Monte Rite, su cui è stato realizzato il Messner Mountain Musem Dolomites o Museo nelle Nuvole, il museo internazionale delle montagna voluto da Reinhold Messner, il più alto d'Europa, aperto da giugno a settembre. 

Durante la Prima Guerra Mondiale sul Monte fu costruita una roccaforte da cui si potevano controllare le valli zoldana ed ampezzana e le imponenti sentinelle dolomitiche: il Pelmo, l'Antelao e il Sorapiss. 
Oggi quell'antico forte è stato trasformato in un museo avveniristico, con strutture in acciaio e vetro al cui interno sono custoditi reperti, foto, video ed opere d'arte che raccontano l'essenza delle montagne. Il Museo è raggiungibile sia attraverso un servizio navetta, sia a piedi imboccando la vecchia strada militare o il sentiero che in due ore vi porterà in cima.

Eventi: Cibiana di Cadore

Itinerari: Cibiana di Cadore

Articoli: Cibiana di Cadore

Grappa al Carugo: un toccasana dopo una sciata tra le Dolomiti

Un sapore delicato che caratterizza una grappa dal colore caldo e il profumo intenso, quello dei semi del cumino che danno un tocco di tradizione ad una grappa che ben si addice a concludere in bellezza una...

Aree Pic Nic nel Bellunese

Le aree pic-nic nel Bellunese sono zone attrezzate con tavoli, panche e barbecue, create in piena armonia con la natura e a disposizione per chi vuole pranzare all'ombra, immerso nel verde, a stretto contatto con la...

Il pane delle Dolomiti

L'area dolomitica conta ancora oggi numerose qualità di pane, tutte caratterizzate da una propria storia e con una propria origine geografica precisa. Nelle vallate ampezzane, per esempio, si producono varie qualità...