Ferrate

Vie Ferrate Val di Fassa: le Ferrate del Masarè e di Vael

Difficoltà:

Grado EEA = escursionisti esperti con attrezzatura

Dislivello:

670 m

Ore:

06:00

Altitudine min.:

2125

Dal Rifugio Paolina 2125 m, sul sentiero 539, si risalgono i pascoli sotto la Punta del Masarè toccando il monumento a Christomannos 1349 m; si va a destra sul segnavia 549 e si raggiungono I rifugi Pederiva e Roda di Vaèl 2280 m (1 ora). Seguendo le indicazioni per la ferrata del Masarè si sale fra ghiaia e massi all'attacco della ferrata, presso una selletta a sud della Punta del Masarè. Lungo le funi ci si alza sul fianco est per le forcelle fra le otto torri di cresta.

Per cammini rocciosi e cenge si avvisa il Croz di Santa Giuliana, e si scende in un canale ad incrociare l'accesso sud alla via attrezzata della Roda di Vaèl (ore 1.30). Sulle ghiaie si guadagna il ciglio sovrastante della conca, dinanzi alla Torre della Finestra. Iniziano le funi: si cala verso sinistra per scendere in un canale sottostante (passaggio non difficile ma che incute timore). Poi si risale, più facilmente, per la larga cresta sud della Roda di Vaèl (dal ciglio, in impressionante esposizione, lo sguardo corre sulla sottostante "parete rossa").

Si raggiunge così la vetta a quota 2806, al centro di un grandioso scenario dolomitico (30 min.). Da croce si segue il sentiero verso nord. Aiutati dalle funi si cala per roccette - con bella vista sui Mugoni e le Cigolade - al passo del Vaiolon 2560 m, intaglio che separa la conca di Vaèl dai costoni erbosi sopra la strada del Passo di Costalunga (30 min.). Dal passo si scende per ghiaie e massi in un fondo canale ad ovest (segnavia 551), così da incrociare i sentieri 549 e 552. Con quest'ultimo si trova al Rifugio Paolina (1 ora).

Partenza: Rifugio Paolina 2125 m
Arrivo: Rifugio Paolina 2125 m
Epoca consigliata: da luglio a settembre
Accesso: da poco sotto il Passo di Costalunga in seggiovia al Rifugio Paolina
Note: Dal Rifugio Paolina, Monumento a T. Christomannos, Rifugio Roda di Vaèl, Roda di Vaèl, Passo del Vaiolon e rientro al Rifugio Paolina.Passaggio delicato sulla ferrata della Roda di Vaèl.