Passo San Pellegrino piste assolate e sentieri storici per il trekking

Passo San Pellegrino: piste assolate e sentieri storici per il trekking. Aria limpida, sole, tranquillità, piste perfette ed itinerari nella natura: benvenuti al Passo San Pellegrino. D'estate o d'inverno lasciatevi tentare dalle tante proposte che questo valico alpino vi propone: sci e trekking nei luoghi della Prima Guerra Mondiale.

Posto al confine tra Trentino e la provincia di Belluno, ad 11 km da Moena, d'inverno è un'ottima stazione di sport invernali: inserito, infatti, nella ski area Tre Valli, offre moderni impianti di risalita, 64 km di piste assolate di varia difficoltà e collegate in un itinerario sciistico, lo Skitour delle Emozioni, a Falcade, tramite la funivia Col Margherita, mentre Moena e Alpe di Lusia sono raggiungibili tramite un bus navetta.

Nel rinomato centro Alochet, invece, si sviluppano stupendi tracciati per il fondo immersi in boschi incantati.

Sciolta la neve, nella bella stagione vi attendono escursioni ed itinerari di rilevanza naturalistica, come quelli che si inerpicano sul versante della Costabella, del Gruppo dei Monzoni e di Cima Bocche, dove è possibile ripercorrere ed ammirare camminamenti, gallerie e trincee risalenti alla Prima Guerra Mondiale, mentre altri interessanti percorsi si sviluppano verso l'area del Col Margherita, da dove si può raggiungere un grazioso laghetto, e verso Cima Bocche.
Ma non mancano anche quelli di interesse storico: qui è ancora visibile l'antico ospizio, un tempo utilizzato come rifugio dai pellegrini che si recavano in Agordino e la chiesetta dedicata a S.Antonio da Padova.