Il Passo Giau

Il Passo Giau o Passo di Giau è una forcella che mette in comunicazione la città di Cortina d'Ampezzo con Selva di Cadore e la Val Fiorentina, entrambe situate in territorio bellunese. È un passo particolarmente panoramico: da qui si possono scorgere le vette dolomitiche più belle. Per i suoi tornanti, richiama ogni anno appassionati ciclisti e motociclisti, che ripercorrono queste curve meta anche del Giro d'Italia. In estate, si possono intraprendere diverse escursioni, in inverno è paradiso per lo snowkite.

Il Passo Giau può essere raggiunto sia da Cortina, che da Colle Santa Lucia che da San Vito: una volta arrivati in cima si rimane a bocca aperta per il panorama che da qui si può ammirare. Le Dolomiti più belle, sono proprio a portata di mano: il monte Nuvolau, l'Averau, la Marmolada, le Tofane, il Cristallo....

Il Passo Giau è conosciuto per essere stato inserito in una tappa del Giro d'Italia, e per la sua ripida ed impegnativa salita dal versante di Colle Santa Lucia: circa 10 km con una pendenza del 9,1%. E forse non tutti sanno che alcune scene del film Ladyhawke, con Matthew Broderick e Michelle Pfeiffer sono state girate proprio qui.

Sull''onda del Giro d'Italia, il Passo Giau ha cominciato ad essere frequentato da ciclisti e motociclisti che qui trovano terreno ideale per sfidare se stessi o mettere alla prova i cavalli delle due ruote. Tra questi, molto caratteristico è l'itinerario in moto nella terra dei Ladini.

In estate il passo è un ottimo punto di partenza per escursioni sulle Dolomiti: da qui si può ad esempio raggiungere il sito di Mondeval in Val Fiorentina, dove è stato rinvenuto uno scheletro di uomo del Mesolitico. Altro itinerario, ma più impegnativo per la lunghezza, è il percorso ad anello Passo Giau-Nuvolau-Passo Giau.

Da qualche anno, il Passo Giau è diventato un'apprezzata meta per gli appassionati di snowkite, che qui trovano dei percorsi ideali per le evoluzioni sugli sci o sullo snowboard, utilizzando un aquilone. Inoltre, è stata istituita una scuola che organizza corsi individuali e collettivi.

Il Passo Giau è da sempre stato un passo storicamente importante. Per molti secoli fu palcoscenico di accese dispute tra Ampezzani e Sanvitesi che volevano contendersi i verdi pascoli del passo, fino a quando non venne costruito un muro di pietra, la Muraglia del Giau, ancora oggi visibile. Un tempo segnava anche il confine tra Impero austriaco e la Repubblica di Venezia: a testimonianza resta un cippo confinario che oggi delimita i confini del comune di San Vito di Cadore e Colle Santa Lucia.