Castello di Rovereto

Risalente al '300, il Castello di Rovereto venne modificato ad opera dei veneziani mantenendo le sue sembianze medioevali. Al suo interno, dopo numerosi restauri, è stato allestito il Museo Storico Italiano della Guerra; aperto al pubblico. Il maniero si erge sulla città già circondata dalle mura, sul rilievo roccioso, all'innesto della strada per Verona con quella per il Brennero.

Il Castello di Rovereto fu edificato dai Castelbarco nel XIV secolo sulla base di una fortificazione del XII secolo, a simbolo del loro controllo su tutta la valle sottostante.

Venne ricostruito dai Veneziani per scopi militari, nel secolo XV, su impianto medievale castrobarcense: a loro si deve la sua attuale forma poligonale, il camminamento con i cannoni, i torrioni, il fossato e il pozzo d'assedio.

A seguito della disfatta veneziana, nel 1509 la fortezza passò in mano agli Asburgo, che la tennero fino alla fine della Grande Guerra.

Il comune di Rovereto è oggi proprietario del castello ed ha allestito al suo interno il Museo storico italiano della Guerra, uno dei più significativi del settore in Italia. Fondato nel 1921, il Museo raccoglie centinaia di cimeli, fotografie e testimonianze riguardanti i due conflitti mondiali. Numerose le sale dedicate alle battaglie e agli uomini che le hanno combattute con relativo corredo di armi; le stanze del Museo contengono anche oggetti di uso quotidiano che aiutavano i soldati a sopravvivere.

Orari d'apertura sul Castello di Rovereto

Gennaio-dicembre: martedì-domenica 10:00-18:00
Luglio-settembre: martedì-venerdì 10:00-18:00, sabato e domenica 10:00-19:00
Chiuso lunedì non festivi, 24, 25 e 31 dicembre, 1° gennaio

Per ulteriori informazioni:

Castello di Rovereto
via Castelbarco, 7 - Rovereto (TN)
tel. +39 0464 438100
info@museodellaguerra.it