Le 10 ciclabili più belle delle Dolomiti

Volete provare un’esperienza diversa in montagna che non sia la solita escursione a piedi? Desiderate praticare un po’ di sport e ammirare in tutta tranquillità la bellezza del panorama circostante? Quale mezzo migliore se non la bici?

La zona del Bellunese e il Trentino Alto Adige offrono una varietà di itinerari in bici adatti a tutti, dai più impegnativi ai più facili a seconda della lunghezza, della pendenza e della difficoltà. Molto apprezzate sono le piste ciclabili, perfette per una giornata all’aria aperta immersi in paesaggi naturali unici in compagnia o da soli.

Diverse sono le ciclabili che attraversano le Dolomiti, mettendo in collegamento il Trentino Alto Adige con il Veneto, l’Austria e, persino, l’Emilia Romagna e la Germania. Noi ve ne proponiamo alcune, le 10 più belle che meritano di essere percorse almeno una volta. Tutte sono fattibili in entrambi i sensi.

La Ciclabile San Candido Lienz, la più nota e amata soprattutto dalle famiglie con bambini e dai turisti. È un itinerario facile di circa 42 km percorribili in 3 ore che parte da San Candido e termina a Lienz, in Austria. È possibile noleggiare le bici a San Candido e ritornare in treno da Lienz con vagone apposito per le bici.

La Ciclabile Bolzano Ferrara collega ben 3 regioni (Trentino-Alto Adige, Veneto ed Emilia Romagna) attraverso un percorso di 315 km con partenza da Bolzano e arrivo a Ferrara, passando per Trento, il lago di Garda e Mantova. I più allenati possono percorrerla in giornata, ma sono consigliabili almeno due o tre tappe.

La Ciclabile Via Claudia Augusta si snoda lungo l’antica via romana e collega ben 3 nazioni partendo da Donauwörth in Germania, toccando il Tirolo austriaco, il Passo Resia, Merano, Bolzano e Trento fino ad arrivare al mare Adriatico. È consigliabile percorrerla in più giornate.

La Ciclabile della Valle Isarco: da Bressanone a Bolzano, una delle più amate e frequentate dell’arco alpino lunga 42 km e collegante Bressanone con Bolzano. Il giro è fattibile in 3 ore.

La Ciclabile dell’Oltradige, lunga 14 km percorribili in un’ora e mezza, si caratterizza per il paesaggio circostante: è una delle poche, se non l’unica ciclabile, ad essere immersa nel cuore dell’area vitivinicola dell’Alto Adige passando per Bolzano, Appiano e Caldaro.

La Ciclabile delle Valli di Tures e Aurina parte da Brunico e arriva a Campo Tures. 50 km in 5 ore alla scoperta di questa vallata chiusa posta all’estremo nord dell’Alto Adige, a ridosso del confine con l’Austria. 

La Ciclabile della Val di Sole attraversa tutta la valle seguendo il corso del fiume Noce con partenza da Mostizzolo e arrivo a Cogolo di Peio. Il percorso lungo 35 km è fattibile in 3 ore.

La Ciclabile delle Dolomiti di Fiemme e Fassa: 48 km collegano le due famose valli trentine attraverso prati e pascoli verdeggianti. Per percorrerla tutta ci vogliono circa 4 ore.

La Ciclabile della Valsugana parte da Pergine Valsugana e arriva a Bassano del Grappa. Il tratto trentino lungo 45 km (80 km per chi vuole proseguire fino a Bassano) costeggia il fiume Brenta e collega Pergine Valsugana con Pianello Vallon.

La Ciclabile delle Dolomiti si snoda lungo le province di Bolzano e Belluno attraverso un percorso di 57 km percorribili in 4 ore circa e colleganti Calalzo di Cadore con Dobbiaco. La sua particolarità consiste nel costeggiare per una gran parte del tragitto la vecchia ferrovia tra Calalzo, Cortina e Dobbiaco e l'antica strada regia nel tratto fra San Vito di Cadore e Cortina d'Ampezzo.

Hotel