03-01-2019

SMACH.2019: mostra di Land Art sulle Dolomiti

SMACH – San Martin Art Culture History – è un progetto di land art e una mostra biennale per artisti da tutto il mondo nata nel 2012 a San Martino in Badia. Il progetto vuole rappresentare la combinazione tra “arte e natura”, in cui quest'ultima espone delle creazioni artistiche, progettate e adattate specificamente ai vari siti.

Con gli anni SMACH è cresciuta diventando nel 2018 un’associazione culturale senza scopro di lucro con obiettivi quali l’organizzare ogni due anni del concorso SMACH, organizzare eventi collaterali, approfondire aspetti storici, culturali e tradizionali della zona e creare nella gente un interesse verso l’arte e la valorizzazione delle Dolomiti.

Il tema della 4° edizione sarà “Heimat”. A detta degli organizzatori Heimat non è un semplice sostantivo tedesco. Questo termine non è traducibile in italiano e in inglese e la sua più vicina traduzione “terra natìa” non è ciò che SMACH vuole comunicare. Heimat possiede in sé una carica identitaria molto forte. Non vuole individuare soltanto un luogo, piuttosto un insieme di valori condivisi e spontanei che riconducono al tempo dell’infanzia e alle sensazioni positive di quel periodo quando si pensa alle origini e alla propria identità. Da un punto di vista contrario, Heimat si può interpretare anche come un senso di solitudine e impotenza che si manifesta quando l’uomo percepisce la perdita di questo legame.

Generalmente il concorso d’arte “SMACH” vuole portare artisti da tutto il mondo nei territori ai piedi delle Dolomiti UNESCO per fargli realizzare delle installazioni a cielo aperto. Al termine di ogni mostra SMACH, alcune delle sculture vengono portare nella mostra-parco permanente delle sculture in Val dl’Ert (dal ladino Valle dell’Arte) in San Martino in Badia.

La Val dl’ert è infatti stata concepita come un “work in progress”. Di anno in anno la sua collezione si arricchisce di opere del concorso SMACH e il parco d’esposizione vuole essere un concept-space aperto alle realtà culturali. Gli elementi identificativi del parco sono: l’interazione delle opere d’arte con la natura e l’ambiente dove sono inserite e la rappresentazione di artisti internazionali.

I luoghi della mostra
- Strada de la Vena
- Ciastel de Tor
- Val dl’Ert
- Forcela de Furcia
- Pares
- Chi Jus
- Pra de Pütia
- Fanes
- Sennes
- Kronplatz / Plan de Corones

Giuria
Gehard Demetz, artista dalla Val Gardena
Gianluca D'Incà Levis, Ideatore e direttore artistico di Dolomiti Contemporanee
Guus van den Hout, former curator at the MET New York
Julia Bornefeld, artista tedesca
Michael Petry, direttore MOCA, Museo d'Arte Contemporanea Londra

Programma

Durata del progetto: dicembre 2018 – settembre 2019
Deadline per l’invio del materiale: 17 marzo 2019
12 aprile 2019: Comunicazione dei progetti selezionati per SMACH.2019 sul sito
03-09 giugno 2019: Installazione dei lavori sul posto (tempo permettendo)
06 luglio 2019: Vernissage
08 settembre 2019: Fine dell’esposizione
Fino al 15 settembre 2019: desinstallazione delle opere

Contatti

SMACH
Str. Preroman 20/A | 39030 San Martin de Tor (BZ) | Italia - Dolomiti

Dove dormire a San Viglio di Marebbe, San Martino in Badia, Plan de Corones

Hotel