Pasqua in cucina

La Pasqua è un periodo molto importante per il cristianesimo in quanto si celebra la risurrezione di Gesù. In ogni regione italiana si ha la propria tradizione storico-culturale e gastronomica. L’elemento che le accomuna tutte è sicuramente la condivisione di un momento felice con la propria famiglia e cucinare un buon piatto è un ottimo inizio.

Dalla tradizione enogastronomia trentina a quella veneta, ecco alcune ricette per una Pasqua di gusto.

La lonza di maiale

Per gli esperti
Marinare la lonza per 7 o 8 giorni con sale, miele, aromi e grani di pepe. Una volta marinata va cotta a vapore con sonda (se ne trovano in vendita nei negozi di casalinghi per pochi euro) al cuore a 80 gradi. Una volta terminata la cottura bisogna far raffreddare e passare leggermente in affumicatore.

Per i meno esperti
Una lonza di maiale affumicata la si può acquistare presso il proprio macellaio di fiducia.

Come preparare la guarnizione
Con l’utilizzo di un frullatore ad immersione emulsionare albumi, senape e olio di girasole. A parte affettare con accuratezza delle patate e friggerle per creare delle chips. Mettere assieme chips, guarnizione e lonza in una teglia da forno e lasciar riposare in un forno caldo spento e leggermente aperto (preriscaldato a 180 gradi) per 10 minuti così che la carne si disidrati leggermente.
Oltre alle patate, come contorno si può servire del cavolo cappuccio marinato in aceto e cumino.

Gli ingredienti
- 500 gr di lonza di maiale
- Miele trentino qb
- Sale e pepe qb
- Aromi freschi

Per l'emulsione
- 2 albumi d'uovo
- Senape qb
- Olio di girasole qb

Per la guarnizione
- 1 patata della Val di Gresta
- Un quarto di cavolo cappuccio

Un dolce invitante e squisito da gustare sia alla mattina per la colazione che durante il caffè dopo pranzo pasquale è senza dubbio la focaccia. In Trentino Alto Adige e in Veneto le focacce sono cucinate in maniera differente e prendono anche forme diverse. In Veneto si prepara la “focaccia veneta”, mentre in Trentino Alto Adige di fa la corona pasquale.
Ecco le ricette da cui prendere spunto.

Focaccia Veneta

Questa ricetta arriva dalle origini gastronomiche del Veneto. Si tratta di un dolce soffice che in dialetto veneto viene chiamato "fugassa" o “fugassin”. La storia racconta che questo dolce fu ideato da un fornaio della provincia di Treviso e che durante la preparazione del pane il giorno di Pasqua decise di aggiungere tre semplici ingredienti: uova, burro e zucchero. Il risultato che ottenne fu un impasto soffice e dolce e che a fine cottura decise di regalare ai suoi clienti.

La focaccia nacque come dolce dei poveri, ma con l’avanzare del tempo divenne più prelibato in quanto altri pasticceri decisero di introdurlo nelle proprie cucine. La ricetta iniziale fu modificata e oggigiorno vanta fino a 4 lievitazioni. Ovviamente ogni zona o paese del Veneto ha le sue varianti che rendono la focaccia veneta unica di posto in posto. Un aspetto che la caratterizza è la sua forma che può essere a colomba o a cilindro con una croce sulla superficie.

Difficoltà: molto elevata
Preparazione: 60 min, 25 ore di lievitazione totale
Cottura: 60 min
Dosi per: 8 persone
Costo: basso

Ingredienti per il primo impasto (per uno stampo da 750 gr)
- 50 gr Farina mix di manitoba e 00
- 20 gr Zucchero
- 80 gr Latte intero a temperatura ambiente
- 4 gr Lievito di birra secco

Lasciare lievitare per 1 ora in forno spento, con la luce accesa, oppure lasciare riposare fino a che l’impasto non ha duplicato il suo volume e saranno comparse delle bollicine in superficie.

Per il secondo impasto
- 150 gr Farina mix di manitoba e 00
- 20 gr Zucchero
- 60 gr uovo
- 30 gr Burro ammorbidito a temperatura ambiente
Lasciare lievitare nuovamente in forno spento solo con la luce accesa per 4 ore fino a che sarà raddoppiato di volume.

Per il terzo impasto
- 100 gr Farina mix di manitoba e 00
- 20 gr Zucchero
- 60 gr uovo
- 30 gr Burro ammorbidito a temperatura ambiente

Lasciare riposare in forno spento solo con la luce accesa per circa 1 ora, fino a quando non sarà raddoppiato di volume.

Per il quarto impasto
- 200 gr Farina mix di manitoba e 00
- 40 gr Zucchero
- 56 gr uovo
- 10 gr Sale fino
- 1 Baccello di vaniglia
-  Scorza d'arancia
- Scorza di limone
- 10 gr Rum bianco
- 40 gr Burro ammorbidito a temperatura ambiente

Lasciarlo lievitare in frigorifero per 15 ore, quindi lasciarlo rinvenire a temperatura ambiente per circa 2 ore. Una volta trasferito nello stampo lasciarlo riposare nel forno spento con luce accesa per 2 ore. Al termine lasciarlo a temperatura ambiente per qualche minuto.

Per guarnire
- 30 gr Albumi
- 20 gr Zucchero a velo
- 20 gr Granella di zucchero
*Essendo una ricetta molto delicata è importante seguire tutti le dosi (anche per le uova) e pesare il latte anche in grammi.

Corona pasquale

La particolarità di questo dolce soffice è sicuramente la sua forma a treccia arrotolata. Per ottenere questa forma è importante dividere l’impasto in 3 e allungarli fino a 60 cm l’uno per poi intrecciarli fino a formare una corona. Quando è cotta si serve in tavola fredda e decorata con uova colorate.

Gli ingredienti
- 500 gr di farina 00
- 250 millilitri di latte
- 1 cubetto di lievito di birra
- 100 gr di burro
- 4 tuorli d’uovo
- 80 gr di zucchero semolato
- 1 limone
4 albumi d’uovo
- ½ confezione di panna fresca

Lasciar lievietare l’impasto per circa 1 ora

Colomba pasquale classica

Ingredienti per 10 persone
Impasto
- 350 gr farina 00
- 115 gr burro
- 155 gr zucchero semolato
- 1 uovo
- 3 tuorli
- 1 albume
- 12.5 gr lievito di birra
- 2.5 gr sale
- 50 gr latte intero fresco
- 75 gr canditi
- 50 gr uvetta / uva passa / uva sultanina / uva secca
- 50 gr mandorla pelata
- ½ arancia
- ½ baccello di vaniglia
- ½ cucchiaino di aroma di mandorla

Per guarnire
- 50 gr mandorla non pelata
- 80 gr zucchero granella