Museo della civiltà Solandra

Presso le sale al piano terreno di una vecchia caserma austriaca è ospitato il Museo della Civiltà Solandra, voluto e realizzato dal Centro Studi per la Val di Sole. Fu aperto nel 1979 e successivamente ampliato nel 1983.

In esso è allestita una mostra permanente delle tradizioni culturali e lavorative della Val di Sole, che racchiude le testimonianze, ormai pressoche' perdute, della vita che nel corso dei secoli caratterizzò la civilta' montanara di queste zone. Vi sono perciò riprodotti i principali momenti di vita; i mezzi e i modi di sussistenza, principalmente l'agricoltura, la lavorazione del latte e il legname; le forme di artigianato, e quindi le arti del falegname, del fabbro, del contadino, dell'allevatore, del tessitore, del ramaio, con un'accurata esposizione di attrezzi originali e la ricostruzione dei luoghi di lavoro.
Al centro del Museo è conservata la stùa, la camera più importante della casa solandra e provienente dalla Vai di Rabbi. Molto curata è anche la ricostruzione di un altro centrale ambiente della casa solandra: la cucina.
Di particolare interesse, infine, la sezione bresadoliana dedicata al famoso micologo di Ortisè Giacomo Bresadola (1847-1929), "il prete dei funghi.

Hotel