Santa Barbara

Santa Barbara, che si festeggia il 4 dicembre, è una figura di donna assai decisa: rinchiusa dal padre in un'alta torre (con due sole finestre) perché non voleva sposare l'uomo da lui scelto, Barbara, chiusa nella sua prigione, si convertì al cristianesimo e fece apparire un'altra finestra per rappresentare la Santissima Trinità. Fu allora decapitata dal padre che venne punito e incenerito da un fulmine: con riferimento a ciò, Barbara diventò patrona di tutto ciò che scoppia o lampeggia o avviene in un baleno, con esplosione o lampo.

Protettrice dei minatori, di artiglieri ed artificieri (che hanno a che fare con armi da fuoco o polvere da sparo, per cui Santa Barbara si chiama anche la polveriera). La Santa viene invocata anche contro i temporali contro tuoni e fulmini, attraverso la nota filastrocca : Santa Barbara e San Simon i me varde dai bruti ton, dai bruti ton e da la saéta, Santa Barbara benedeta!

In riferimento alle malattie, Santa Barbara è protettrice contro l'infarto ovvero la morte lampante, la morte improvvisa, quella maggiormente temuta dal cristiano per l'impossibilità d'avere il tempo di ravvedersi e pentirsi.

Rimedi popolari contro la pressione troppo alta

Per cercare di limitare la pressione sanguigna ed evitare il pericolo d'infarto, si faceva un infuso di tal fatta: per ogni decilitro d'acqua, un cucchiaino di semi di prezzemolo e mezzo di polvere di rosmarino. Si bevevano tre tazze di liquido al giorno, al mattino, a mezzogiorno e a sera.

A cura di G. Secco

Hotel