I monumenti del Giardino del Sudtirolo

Elencare tutti i monumenti che si possono vedere in quest'area è impossibile, dal momento che ogni più piccolo angolo di paese, villaggio o campagna nasconde le sue piccole meraviglie.

Tra i più degni di nota, tuttavia, non si può fare a meno di citare l'Ospizio "Klösterle" che è uno dei 4 ospizi ancora ben conservati in tutta Europa. A partire dal 1220, infatti, la città di Egna/Neumarkt ha ospitato numerosi pellegrini in viaggio verso l'Italia e Roma, in questa struttura. Tra gli ospiti più noti, che qui pernottarono, vi è sicuramente il pittore tedesco Albrecht Dürer, che ha lasciato testimonianza delle sue opere anche a Salorno e a Castel Segonzano.

Chi si trova a Terlano non può fare a meno di andare a visitare la chiesa parrocchiale, un bell'esempio in stile alto gotico, risalente al XIV secolo, con una torre laterale del XIII secolo ed il campanile di 75 m, del 1500. All'interno la chiesa è arricchita dagli affreschi trecenteschi della "Scuola di Bolzano".

In comune di Caldaro, a Castelvecchio, si trovano le rovine della basilica di San Pietro. All'interno della chiesa si possono ancora vedere le tre navate, e dietro la costruzione, le dieci bacinelle scolpite nella roccia, datate 3000 A.C., che probabilmente servivano per l'illuminazione ad olio. Le rovine di San Pietro e la romantica passeggiata attraverso la gola "Rastenbachklamm" si possono raggiungere a piedi, seguendo il sentiero che si diparte dalla chiesa di San Vigilio.

Nella chiesa di San Pietro di Ora/Auer, costruita anch'essa in stile gotico nel XV secolo, è ancora in funzione il più antico organo del Sudtirolo, tutt'ora in funzione.

In comune di Appiano, a San Paolo, si può godere di uno scorcio molto particolare. Si tratta della cosidetta "Cattedrale nei campi", la chiesa parrocchiale, che per via della lunghezza dei lavori di costruzioni, è un'eccellente sintesi degli stili gotico, rinascimentale e barocco. La chiesa, iniziata nel 1460, in pieno periodo gotico, è stata terminata solo un secolo dopo, mentre per il campanile ci sono voluti addirittura 170 anni.

Ad Aldino, invece, è possibile visitare due antichi mulini completamente restaurati: il mulino Tahl ed il mulino Matzneller.

Hotel