Arte e Cultura nel Giardino del Sudtirolo

Numerosi monumenti artistici e culturali testimoniano la movimentata storia dell'Alto Adige. In questo paese antico e ricco di cultura hanno convissuto fin dall'inizio popoli diversi come Celti, Reti, Romani, Longobardi... e ancora oggi tre diverse culture convivono pacificamente: sono i Tedeschi, gli Italiani e i Ladini. Insediamenti preistorici, castelli, rovine romane, monumenti d'arte romanica, gotica e barocca, residenze signorili e case di contadini testimoniano questo eccezionale passato.

L'elemento che accomuna tutti i paesi e i piccoli centri dell'area del Giardino del Sudtirolo, e che li distingue dal resto dell'Alto Adige, è lo Stile dell'Oltradige. Questo particolare stile edile, infatti, è unico, poiché ha unito e rielaborato l'arte gotica dell'Europa settentrionale e quella rinascimentale del sud.

L'elemento di costruzione principale non è più il legno, ma la pietra, proprio come nei paesi del mediterraneo. Oggi passeggiando per le strade dei centri sia piccoli che più grandi, tra finestre e porte ornate di marmo, arcate in pietra arenaria, loggiati, verande, scale esterne e cortili interni è possibile ammirare i dettagli dell'arte dell'Oltradige.

In tutta Europa, il Giardino del Sudtirolo è l'area con la maggiore concentrazione di castelli. La ragione di tutto ciò sta nel fatto che per millenni la più importante via di comunicazione tra nord e sud Europa passava proprio da questa zona: sia la via del Passo di Resia che quella del Brennero si incontrano, infatti, a Bolzano per poi continuare in direzione sud.

Hotel