Sport

Val Venegia, le Pale di S. Martino e Baita Segantini

Difficoltà:

Facile

Lunghezza:

16 km

Dislivello:

586 m

Ore:

02:30

Altitudine min.:

1677 2181

L'itinerario attraversa la strada sterrata lungo la Val Venegia, una delle valli più caratteristiche della zona. Lo scopo è raggiungere una delle località più conoscute a livello turistico nel panorama dolomitico: la Baita Segantini, a quota 2200 m.

Dal rifugio si può ammirare lo splendore del panorama sulle Dolomiti Trentine, tra cui le verticali pareti delle Pale di San Martino.

Senza particolare difficoltà, la salita permette anche diversi punti di ristora tra i quali Malghe Venegia, Venegiotta, Baita Segantini e Capanna Cervino.

Il punto di partenza è il Passo Rolle. Si scende verso la Malga Juribello fino a raggiungere Pian dei Casoni, dove si imbocca la strada sterrata lungo la Val Venegia giungendo fino a Passo Rolle. Inizialmente pianeggiante fino a Malga Venegiotta, si continua poi in leggera salita ed affrontando gli 11 tornanti fino alla più celebre Baita Segantini. Da qui rientro a Passo Rolle in discesa passando per Capanna Cervino. 

Altri possibili punti di partenza: centro Visitatori Parco Paneveggio - Pale di San Martino in località Paneveggio.

Partenza da Paneveggio

Accesso da San Martino di Castrozza, verso Paneveggio. Passato l'abitato di Paneveggio si devia a sinistra seguendo l'indicazione Passo Valles. Dopo alcuni chilometri a destra si stacca una via sterrata (ben battuta) che possiamo percorrere con la macchina (poco più di 1 km.) fino a Malga Venegia. Arrivando da Falcade, invece, si supera il passo Valles e si prosegue fino alle indicazioni (a sinistra) Val Venegia - inizio sterrato.

Iniziamo a camminare, la valle si apre e il verde di pascoli e abeti contrasta con le grigie pareti delle Pale di S. Martino. Accanto al percorso si trova il torrente Travignolo, che scorre veloce in senso opposto. Dopo circa 35 minuti di sentiero pressoché pianeggiante si trova la Malga Venegiota, piccola sosta per assaggiare qualche prodotto tipico.
Proseguendo, la strada comincia a salire e in 20 minuti si giugne sopra la quota dei pini. Poco avanti si apre il Pian della Vezzana. Un pianoro proprio sotto alle vette più alte del gruppo delle Pale: Bureloni, Vezzana e Cimon della Pala. Il percorso continua salendo sul pendio opposto a queste imponenti rocce, fino ad arrivare ad una sella. Qui si trova una bella casetta affiancata da un piccolo lago: la baita Segantini. Ecco la meta dell'itinerario.
Si consiglia di percorrere l'itinerario tra fine maggio e settembre.

La Baita Segantini è comodamente raggiungibile da Passo Rolle - strada sterrata di 3 km.