Mountainbike/MTB

Anello Family Green Way Primiero

Difficoltà:

Facile

Lunghezza:

20 km

Dislivello:

523 m

Ore:

02:30

Altitudine min.:

615 836

L'anello, di circa 20 km di lunghezza, permette a chi lo percorre di godere di panorami mozzafiato sulle maestose Pale di San Martino e sulle Vette Feltrine, ai quali si uniscono storia, arte e cultura. Nei centri storici si incontrano molti edifici antichi (Palazzo Scopoli, Palazzo del Dazio, Chiesa Arcipretale e molti altri), che custodiscono le memorie di un tempo, a farne da contorno opere ed esposizioni (Cataste & Canzéi, Sentarte, sculture lignee, affreschi e fontane).

Partenza dal parcheggio vicino l'ufficio dell’ApT di Fiera di Primiero si imbocca la strada accanto il torrente Cismon, attraversando la strada si sale su una salita di 150 m fino in loc. Navoi. Si prosegue per la strada tra prati e piccoli nuclei abitati, fino a confluire su Via S. Antonio. Dopo aver incrociato una fontana pubblica si svolta a destra per una salita. Alla fine di questo tratto si giunge in corrispondenza di Via Bellavista che si imbocca con una evidente svolta a sinistra. Si raggiunge la chiesa di Transacqua, si svolta a destra e giunti davanti ad un incrocio si svolta a sinistra scendendo fino ad immettendosi su un piccolo viottolo pedonale, attraverso un’area prativa ed un piccolo ponte in legno coperto. Qui, dopo circa 50 m di “chicane” tra le strette vie del centro storico (”canisèle”), in corrispondenza dell’antico lavatoio pubblico, ci si immette in Via Sanguarna proseguendo sempre diritti in discesa per circa 170 m fino all’incrocio con Via Venezia.

Si raggiunge il ponte sul torrente Canali e costeggiandolo controcorrente, tra strutture ricettive e turistiche, si raggiunge una passerella ciclopedonale. Terminata questa (prestare attenzione poiché si ha un aumento della viabilità) si svolta a destra e si percorre in leggera salita Via Castelpietra per circa 300 m fino all’incrocio con Via Scopoli per entrare nel centro storico di Tonadico.

Da Tonadico si raggiunge l’abitato di Siror, percorrendo la “Campagna Alta” di Tonadico. Proseguire per la zona sportiva di Siror, passando per il piccolo viottolo pedonale. Si consiglia di prestare molta attenzione al tratto finale del viottolo, caratterizzato da forte pendenza (20%) e dalla presenza di un dissuasore in cemento all’uscita su Via Cismon.

Il percorso prosegue per arrivare a Fiera di Primiero, dopo aver superato un ponte lungo il torrente Cismon e percorso un tratto di pista ciclopedonale. L’attraversamento del centro di Fiera di Primiero (circa 150 m) potrà avvenire sia in sella che con bici a mano in base all’affollamento di pedoni presente. Alla fine della zona pedonale si imbocca sulla destra Via Rivetta Enrico Koch, puntando in direzione dell’evidente Chiesa Arcipretale di Primiero. Attraversato il monumento, si svolta a destra in direzione dell’abitato di Mezzano.

Merita una visita l’abitato storico di Mezzano: orti, fontane, affreschi murari, architetture tradizionali perfettamente conservate, cataste di legna (i “canzei”), molte delle quali divenute vere e proprie opere d'arte e realizzate anche da artisti venuti da lontano.

La strada prosegue per verso Imèr. Si dovrà percorre un tratta di strada principale, circa 450 m, fino ad arrivare alla base di una salita di 200 m che porta al cimitero (FARE ATTENZIONE: CONTROMANO!!!!). Si passa il centro storico di Imèr, si prosegue lungo Via Meatoli, passando a lato della alla caserma dei vigili del fuoco fino alla loc. Ghiaie, ove pochi metri prima della rotonda si svolta a destra su strada secondaria asfaltata seguendo le indicazioni della pista ciclopedonale. Circa 50 m più avanti si svolta invece a sinistra verso il sottopassaggio ciclabile alla circonvallazione, seguendo un breve tratto (60 m) di pista ciclopedonale riservata, fino al ponte per la loc. Calavise-Villaggio Sass Maor.

Si lascia la rotonda della circonvallazione sulla sinistra, si prende la strada secondaria dopo aver attraversato un attraversamento pedonale. Si prosegue fino all’inizio della pista ciclopedonale posto sulla sinistra al termine del ponte sul torrente Cismon. Proseguire il tracciato verso N-NE, si passa la località di Oltra, primo punto di accesso per il centro abitato ed il centro storico di Mezzano. Si può decidere se lasciare o meno l’anello ciclabile. 

Per proseguire sull’Anello Family Greenway, dallo Stop si svolta a destra e poi subito a sinistra imboccando nuovamente la pista ciclopedonale che, costeggiando sempre il torrente Cismon in un paesaggio alternato tra vegetazione riparia, bosco di conifere e prati, termina dopo circa 2.5 km in corrispondenza di Via Navoi (prestare attenzione allo STOP). Usufruendo delle strisce pedonali, si attraversa nuovamente il ponte, riprendendo la strada lungo torrente che riporta al punto di partenza.

Percorso su strade secondarie, ma alcune sono aperte anche al traffico veicolare. Lo si può percorrere in entrambi i sensi di marcia.
Periodo consigliato: da maggio ad ottobre
Dislivello in salita 262 m e in discesa 261 m