Moto

Itinerario in moto: sui passi del Giro d'Italia da Cavalese ad Arco

Lunghezza:

102 km

Ore:

01:00

Percorso schematico

  • Partenza da Cavalese.
  • Raggiungere sulla s.s. 48 il valico di san Lugano ed entrare nel territorio della provincia di Bolzano.
  • Proseguire sulla s.s.48 fino alla località di Ora.
  • Imboccare la s.s. 12 e raggiungere Egna.
  • Proseguire sulla s.s. 12 fino a San Michele all'Adige in provincia di Trento via Salorno.
  • Raggiungere Trento e proseguire per Monte Bondone sulla s.p. 85.
  • Proseguire verso Arco sulla s.p. 85 e sulla s.s. 45 bis.
  • Da Arco imboccare la s.s. 88 per Ronzo-Chienis, Santa Barbara (mt. 1165) e tornare ad Arco.

 

Percorso Completo

Il percorso ha inizio da Cavalese, città residenza dei vescovi-signori di Trento, che vanta edifici medioevali di prestigio e di interesse storico. D'obbligo la visita al palazzo della Magnifica Comunità di Fiemme di epoca medioevale. All'inizio del paese si trova la seicentesca Chiesa di San Vigilio e la Pieve dell'Assunta del XII secolo. Il tutto in un panorama unico dominato dalle Pale di San Martino, dalla catena del Lagorai e dai massicci del Monte Corno e del Latemar a nord.
Da Cavalese ci addentriamo nella Provincia di Bolzano nelle località di Ora e Egna. Prima di entrare nel paese di Ora incontriamo alla nostra destra la nota chiesa di san Pietro, sprofondata a causa dell'irruenza del torrente che passa per il paese. Sulle colline troviamo la Chiesa di San Daniele am Kiechlberg, una delle prime espressioni di architettura gotica del Tirolo.
Ad Egna si può visitare il Mercato Nuovo, fondato nel 1189 e passeggiare lungo la via principale del paese, costituita da portici e case del quattrocento che richiamano i portici di Bolzano. Si può anche decidere per una visita al Museo di Cultura Popolare che ricostruisce l'ambiente tipico in cui viveva una famiglia borghese altoatesina dell'800.

Da qui ci spostiamo verso Trento, città che merita una visita approfondita. Vale infatti la pena addentrarsi lungo le vie del passeggio del centro storico fino ad arrivare al Duomo e al Castello del Buonconsiglio, sede, oltre che del famoso Concilio, di diversi musei che contraddistinguono Trento quale città ricca di cultura.
Da Trento si procede in direzione del Monte Bondone, la montagna di Trento per eccellenza. Qui gli amanti della natura troveranno sicuramente interessanti le passeggiate nella Riserva Naturale Integrale e nel Giardino Botanico Alpino, dove crescono oltre 2.000 specie di piante e fiori provenienti dai cinque continenti.
Dal Monte Bondone si scende verso la località di Arco per poi risalire verso S. Barbara a 1165 metri di altezza. In particolare merita una visita la cittadina di Arco, luogo di villeggiatura della nobiltà ottocentesca d'Oltralpe.