09-10-2019

Le novità della nuova stagione sciistica nelle Dolomiti

Fervono i preparativi, l’inverno è ormai dietro l’angolo. Il Dolomiti Superski inaugurerà la nuova stagione 2019/2020 con tante novità che faranno la gioia di tutti gli appassionati dello sci, dello snowboard, della neve e del divertimento.

Già ai primi di maggio sono iniziati i lavori, gli aggiornamenti e le migliorie per garantire con l’avvio della nuova stagione nuove piste, nuovi impianti, nuove tecnologie di innevamento e attrazioni che sapranno sicuramente accontentare e soddisfare le aspettative di tutti gli sciatori grandi e piccoli: per l’inizio della nuova stagione sono stati investiti circa 100 milioni di euro.

Quasi tutte le skiarea incluse nel più grande comprensorio sciistico del mondo hanno puntato, come ormai da qualche anno, alla sostituzione di impianti di risalita vecchi e obsoleti con nuovi impianti più confortevoli e sicuri.

Ad esempio nella skiarea di San Martino di Castrozza la sciovia è stata sostituita dalla nuova seggiovia Cigolera a 6 posti ad agganciamento automatico, mentre a Plan de Corones/Kronplatz, nell'area di San Vigilio di Marebbe, la seggiovia quadriposto Rara lascia il posto a una nuova cabinovia ad agganciamento automatico Doppelmayr con veicoli a 10 posti.

Nella skiarea Tre Cime Dolomiti, la seggiovia a 3 posti “Elmo“ verrà sostituita con una seggiovia ad agganciamento automatico a 8 posti “Hasenköpfl“. Ma il vero gioiello arriverà tra qualche anno con il collegamento del comprensorio sciistico altoatesino 3 Cime Dolomiti all’area sciistica Thurnthaler già presente sul versante austriaco. Con il progetto di ampliamento, il comprensorio sciistico diventerà il primo e l’unico comprensorio del Dolomiti Superski ad estendersi oltre i confini italiani.

La grande novità, attesa da tempo, è la nuova cabinovia a Cortina in Tofana (Freccia nel Cielo) ad agganciamento automatico con 50 veicoli a 10 posti per una portata di 1800 persone all'ora. Questa sostituisce il primo tronco della funivia Freccia nel Cielo fino a Col Druscié e presenta una stazione intermedia a Colfiere. Per l’occasione è stata rinnovata anche la stazione a valle di Freccia nel Cielo.

Grandi cambiamenti anche in Alta Badia, dove la seggiovia biposto La Crusc 2 è stata rimpiazzata dalla nuova cabinovia ad agganciamento automatico Leitner con cabine a 10 posti, la pista La Crusc è stata ampliata e il rispettivo impianto di innevamento è stato modernizzato.

Novità in arrivo anche al di fuori del Dolomiti Superski. Nella skiarea Madonna di Campiglio la vecchia seggiovia Nube d'oro viene sostituita con una nuova a 6 posti, raggiungibile anche dalla pista azzurra Nube d’Argento-Gendarme. Le piste da sci Nube d’Argento e Nube d’Argento-Gendarme verranno allargate e sarà realizzato un nuovo tratto di pista dietro Malga Montagnoli che avrà lunghezza di 300 metri. Si procederà anche con l'allargamento della pista Amazzonia Alta. Per quanto riguarda Pinzolo, verrà costruito un nuovo bacino di accumulo d'acqua nella conca di Grual a supporto del sistema di innevamento programmato di Funivie Pinzolo.

Grande attenzione anche ai sistemi di innevamento programmato: la priorità è garantire la neve sulla maggior parte del Dolomiti Superski già a partire dall'inizio della stagione invernale a fine novembre. Generatori di neve, reti di tubature, bacini d’acqua dedicati e attrezzature tecnologiche che permettono l’utilizzo razionale delle risorse (acqua pura di fonte, energia elettrica e aria compressa).

Hotel