Echi del Legno: mostra sui paesaggi sonori delle Dolomiti

02 March 2021

Una mostra sonora interattiva dedicata ai meravigliosi paesaggi sonori delle Dolomiti e che vuole promuovere l’ascolto attivo del paesaggio: questo lo scopo promosso da “Echi di Legno”.

Nello specifico si tratta di una galleria multimediale accessibile dalla rete che permette di immergersi nei suoni dei boschi e sperimentare le proprietà sonore del legno che l’arte dei liutai trasforma abilmente in violini.

Grazie alla collaborazione tra Gli Echi della Natura Academy, l’accademia estiva dedicata ai giovani violinisti, e il museo virtuale del paesaggio dolomitico – DOLOM.IT – è nata quest’opportunità disponibile gratuitamente sul sito www.echi.museodolom.it.

“Obiettivo della mostra è promuovere l’ascolto attivo del paesaggio e arricchire la fruizione delle Dolomiti grazie all’ascolto attivo – spiega Corinna Canzian, ideatrice e curatrice della rassegna Gli Echi della Natura –. Ascoltare aggiunge una dimensione in più alla nostra esperienza e rende più gratificante e profonda la percezione, la memoria e l’interpretazione di queste bellissime montagne”.
“I musei, e in generale la società in cui viviamo, tendono a privilegiare il senso della vista, ma il paesaggio sonoro è parte integrante della nostra esperienza delle Dolomiti ed è esso stesso patrimonio”, aggiungono Stefania Zardini Lacedelli e Giacomo Pompanin, fondatori di DOLOM.IT.
“Per questo, nel 2017 abbiamo iniziato a raccogliere i suoni del paesaggio dolomitico: il nostro è un archivio partecipato al quale chiunque, attraverso questa mostra, potrà contribuire”.

Echi del Legno: le sezioni da scoprire

La mostra si compone di due sezioni: la prima, “Ascolta”, si compone di una serie di gallerie multimediali dove è possibile scoprire le ricchezze sonore e ascoltare una selezione di paesaggi sonori . La seconda, denominata “Crea”, è dedicata a chi crea suoni e strumenti, liberando le sonorità presenti nel legno e nel paesaggio, e che vuole offrire nuovi spunti per ri-comporre in modo creativo questi materiali sonori in musica.

A questa iniziativa può partecipare anche il pubblico, il quale è invitato a caricare il proprio paesaggio sonoro direttamente dal sito Dolom.it.

Hotel Cortina e dintorni