07-05-2020

Viaggiare tra le Dolomiti Bellunesi

La stagione estiva porta con sé molta voglia di uscire all’aria aperta per godersi il caldo del sole e le lunghe giornate.
Con una vacanza estiva nel Bellunese in pochi giorni si potranno scoprire splendidi panorami, imponenti montagne, specchi d'acqua dalle mille sfumature e la natura incontaminata del Parco Nazionale delle Dolomiti Bellunesi.
La vacanza proposta porta turisti e famiglie a spasso per questo territorio attraverso zone d’interesse come Bellunese, Feltrino, Agordino e Zoldano.

Bellunese

Si parte con un giro per il centro storico della città splendente di Belluno. Uno dei punti nevralgici di questa regione meravigliosa. Girovagando per le piazzette si potranno trovare bar, negozietti e soprattutto edifici e monumenti storici. Si possono ammirare: il Duomo nell’omonima piazza, Palazzo Rosso con la sede del Comune, Piazza del Mercato con la sua fontana, Porta Dante, Porta Rugo o Porta Dojona, il Teatro Comunale di fronte al Museo Civico Fulcis, il Palazzo delle Poste in un complesso militare (l’antico castello di Belluno), Piazza Santo Stefano con la chiesa che custodisce opere d’arte di Andrea Brustolon, e moltissimo altro ancora.

L’intera città è situata ai piedi delle Dolomiti UNESCO. Tutt’intorno si stagliano i paesaggi dolomitici che aspettano solo di essere scoperti. Risulta sicuramente evidente l’imponente Gruppo della Schiara con una particolare guglia, la Gusela del Vescovà. Questa zona offre delle emozionanti gite in montagna in alta quota. La Gusela è un “ago” di roccia alto 40 metri e per la popolazione bellunese rappresenta l’emblema della città e un simbolo in cui identificarsi.

Da Belluno si riparte alla volta del Borgo di Sospirolo per visitare il Lago del Mis e i caratteristici Cadini del Brentòn.

Situato all’interno del Parco Nazionale delle Dolomiti Bellunesi, il lago del Mis è uno specchio d'acqua artificiale che sorge nell'omonima valle. La diga che ha dato origine al lago è stata eretta verso la metà del '900 e le acque che si sono riversate all'interno del bacino hanno sommerso diversi piccoli paesini disabitati, che risiedono nel suo fondale.

I Cadini del Brentòn si trovano vicino alla fine del lago, nell’interno della valle. Un breve itinerario, adatto anche alle famiglie con passeggini, porta alla scoperta di un vero e proprio angolo di paradiso. Sono 15 profonde cavità scavate dal torrente Brentòn, in cui si raccoglie un'acqua cristallina. Tra una cavità e l’altra ci sono piccole cascate. L’insieme da origine a uno spettacolo della natura, assolutamente da visitare! A pochi passi, infine, si sentirà il suono dell'imponente Cascata del Soffia, ammirabile da una terrazza sospesa.

Agordino

Il viaggio continua verso il borgo di Gosaldo. È situato tra le splendide montagne dell’Agordino ed è immerso nel verde di una natura rigogliosa. Qui bisogna passeggiare per il suo centro storico, ammirando le sue bellissime architetture, e visitare il Museo Etnografico e del seggiolaio. Si narrano storie delle attività più fiorenti della zona, tra cui la lavorazione del legno e l'artigianato della sedia.

Feltrino

Continuando sulla strada si raggiunge la zona che ospita i Piani Eterni. Sono situati nel cuore della Val Canzoi, ai piedi delle Alpi Feltrine. Sono il luogo ideale per delle emozionanti passeggiate e trekking nella natura selvaggia. Dopo una lunga e impegnativa camminata si raggiungono i piani, ovvero una conca prativa di erba smeraldina e due malghe. Una faticaccia, ma ne vale la pena!

Sempre in Val Canzoi e vicino ai Piani Eterni si trova il suggestivo lago della Stua. È un bacino artificiale, nato dopo la costruzione di una diga. Lo specchio d’acqua è alimentato dal torrente Caorame, uno degli affluenti del fiume Piave. Sulla superficie del lago si specchia il Cimonega, massiccio dolomitico delle Alpi Feltrine, uno dei complessi montuosi più conosciuti dagli amanti dell'alpinismo.

Dopo una faticosa escursione, si trova meritato riposo a Feltre, uno dei borghi più belli della regione e un villaggio fortificato cinto da mura merlate.
Nel centro storico, ricco di storia, si trovano delle splendide dimore signorili e chiesette decorate con pregiati stucchi. Importanti per la cittadina sono il pittoresco Castello di Alboino e le due affascinanti torri che, dall'alto, offrono un panorama incredibile dell'intera vallata.

Agordino

Il viaggio attraverso il Bellunese continua con la visita di Falcade, posto all'estremità occidentale della Valle del Bois, al confine con il Trentino. Tutt’intorno si stagliano vette e montagne maestose, infatti, durante l’inverno la zona si trasforma in un’importante zona sciistica all’interno del comprensorio sciistico Dolomiti Superski. Durante l’estate, Falcade offre rifugi alpini e moltissime attività outdoor a contatto con la natura. Per i più piccoli e le famiglie c’è il parco tematico “Col Margherita Park” con terrazze panoramiche.

Zoldano

Ultimo luogo, ma non meno importante, di questo viaggio è la Val di Zoldo. Ha definirne i tratti sono soprattutto due famosi massicci dolomitici: il Monte Pelmo e il Monte Civetta. Più che visitare qua c’è da camminare o fare tanto sport, sia in estate che inverno. Anche Zoldo è una stazione sciistica del Dolomiti Superski, collegata con altre destinazioni delle Dolomiti UNESCO. Chi non vuole fare fatica può usufruire delle varie seggiovie e cabinovie per raggiungere punti panoramici e rifugi per un piatto tipico della cucina zoldana e bellunese.