Il campanile nel lago di Resia

Dal chiaro lago di Resia, lungo sei chilometri, e davanti alle maestose montagne della selvaggia Vallelunga, emerge solitario un campanile sommerso. Il campanile sul lago è risalente al del XIV secolo, diventato simbolo della Val Venosta, è l'unica testimonianza rimasta dei paesi di Curon, di Resia e di San Valentino che nel 1950 dovettero cedere il posto a questa immensa costruzione artificiale. Nonostante le resistenze da parte della popolazione, il livello dell'acqua di ambedue i laghi naturali di allora (Lago di Resia e Lago di Curon) è aumentato di 22 m e l'intero altopiano che comprendeva 677 ettari di terreno fu praticamente inondato.