Il Morone feltrino

Il Morone feltrino è una varietà di Marrone, dalle caratteristiche uniche. Un lungo procedimento permette di ottenere un prodotto di ottima qualità. È coltivato nel basso Bellunese ed è tutelato da un Consorzio. Rientra fra i prodotti PAT ed è ottimo arrostito o nella minestra di marroni.

Il Morone feltrino, coltivato fin dall'epoca romana, è tipico della zona di Feltre. In particolare viene prodotto nei comuni di Feltre, Seren del Grappa, Quero, Alano di Piave, Pedavena e Arsiè.
Il morone feltrino presenta caratteristiche uniche: forme ovale, con una faccia piatta e l'altra convessa e base rettangolare. La sua sottile buccia è di color marrone con striature più scure. Il frutto è ricoperto da una pellicina, la sua polpa è bianca, la pasta compatta e dolce.

Il morone feltrino viene raccolto per lo più a mano, a causa della pendenza delle colline su cui viene coltivato. La raccolta inizia verso il mese di ottobre, anche se la maturazione completa del frutto del morone feltrino si completa dopo circa 30 giorni. Successivamente alla raccolta, il prodotto viene selezionato e immerso in contenitori atossici con acqua per circa 9 giorni. Durante questo periodo viene rilasciato dell'acido lattico utile per la conservazione del prodotto. Dopo aver eliminato i frutti danneggiati, si passa alla fase di asciugatura e alla loro stenditura su superfici piane ed asciutte e lasciati a riposare per 5 giorni, rigirandoli almeno due volte al giorno.

Dal 1996 è presente il Consorzio Tutela Castagno e Morone del Feltrino, che lo tutela e lo valorizza.  È iscritto nell'elenco dei PAT, tra i prodotti Carta Qualità del Parco e nella Strade dei Formaggi e dei Sapori delle Dolomiti Bellunesi.

Il morone feltrino è ottimo arrostito in padella o lessato, annaffiato con del vino novello o del mosto. Viene cotto anche al forno o usato per preparare la minestra di marroni.

Al morone feltrino nel periodo autunnale viene dedicata una festa a Rasai di Seren.

Fonte: "Sapori e saperi delle Dolomiti" a cura di Serena Turrin, edizioni DBS Zanetti