von 13.12.2010

Il Museo di Mattarello arricchisce la sua collezione

A Mattarello, a pochi km da Trento, si trova il Museo dell'Aeronautica Gianni Caproni dove sono esposti alcuni tesori di architettura aeronautica. Una raccolta dedicata al volo che si sviluppa lungo quattro sezioni e che da oggi si arricchisce di due importantissimi reperti, mai esposti in pubblico: i più noti aeroplani da caccia italiani, il Macchi Mc 200 "Saetta" e il Reggiane Re 2005 "Sagittario", che vanno ad aggiungersi ad altri già esposti, come il famoso Savoia Marchetti Sm 79 "Sparviero".

Del primo, ampiamente utilizzato tra il 1940 e il '43, sono visibili un tratto di fusoliera, la coda e il motore. Del secondo, utilizzato nella seconda parte del conflitto mondiale, è esposto solo il troncone di coda, unico ed originale pezzo rimasto. Accanto ai reperti, sono inoltre allestiti dei punti video che ripropongono filmati con ricostruzioni dei velivoli.

Il Museo dell'Aeronautica propone un percorso suddiviso in 4 sezioni. La prima è dedicata ai fondatori del museo, Gianni e Timina Caproni, e presenta opere d'arte antica, lavori contemporanei, pezzi archeologici. La seconda mostra i primi dipinti, stampe e disegni dedicati agli aeroplani, risalenti agli anni '10. La terza dedica spazio all'incontro tra il volo e il futurismo degli anni '20, per concludersi con l'aeropittura degli anni '30 e '40.