von 04.11.2013

I Vigneti delle Dolomiti

4 novembre 2013 - Che siano bianchi rossi o rosati, i vini delle Dolomiti, la maggior parte dei quali a Denominazione di Origine Controllata, DOC, o ad Indicazione Geografica Tipica, IGT "Vigneti delle Dolomiti", soddisfano da sempre i palati dei bevitori più esigenti e conquistano ogni anno l'apprezzamento di note guide enologiche. Le province di Bolzano, Trento e Belluno invitano a scoprire i Vigneti delle Dolomiti, non solo attraverso la degustazione del prodotto finito, ma anche intraprendendo dei veri e propri tour enogastronomici, come quello lungo la Strada dei vini.

Nell'IGT "I Vigneti delle Dolomiti" rientrano diverse tipologie di vini: bianchi, rossi e rosati e le tipologie frizzante, passito, mosto e novello. Esiste una rigida disciplinare che tutela e regola questi vini prodotti nelle province di Trento, Bolzano e Belluno, un territorio prevalentemente montuoso e da sempre dedito alla coltivazione della vite.

I vini delle Dolomiti che hanno ottenuto l'IGT si caratterizzano anche per essere il risultato della miscelatura di diverse uve, tra cui, per il Trentino Alto Adige: Chardonnay, Teroldego, Lagrein, Merlot, Riesling Renano, Sauvignon, Gewurztraminer, Pinot Bianco, Grigio e Nero, Cabernet Sauvignon e Franc, Kerner, Traminer, Müller Thurgau, Moscato Giallo, Schiava...

Tra i vini del Bellunese meritano menzione il rosso Pavana o Nera Gentile, la cui coltivazione e produzione era un tempo diffusa sul territorio e in gran parte destinata sul finire dell'Ottocento all'impero austroungarico e di oggi rimangono solo pochi produttori locali; la Bianchetta e la Trevisana Nera.

Hotel