27.09.2019

Arrampicata record sulle Tre Cime di Lavaredo

Il suo nome è Dani Arnold ed è l’arrampicatore esperto della Svizzera che, il 5 settembre 2019, ha scalato la Cima Grande delle Tre Cime di Lavaredo in un tempo record. Non un record “normale”, ma un nuovo primato di arrampicata in velocità (speed) ed in free solo. Dani ha quindi scalato in libera (senza corde, rinvii o altra attrezzatura di protezione) la famosa via alpinistica Comici-Dimai, sul lato nord della parete, di 550 metri di altezza in soli 46 minuti e 30 secondi – solitamente la Grande di Lavaredo viene scalata in 6-7 ore.

Prima di questa avventura, lo svizzero era rientrato da appena due mesi dalla sua prima spedizione sugli Ottomila e, nonostante il poco tempo di riposo, è riuscito egregiamente ha portare a termine l’impresa sportiva. Sebbene la roccia dolomitica non sia generalmente molto solida, ma piuttosto scivolosa e in certi punti quasi levigata (a causa anche delle numerose salite quotidiane) e dopo aver superato altri alpinisti lungo la via, Arnold è riuscito a raggiungere il punto più alto della cima 20 minuti prima del precedente record segnando nuovamente la storia dell’arrampicata alpinistica.

Dani Arnold ora detiene il record di velocità su quattro delle sei principali pareti nord d’Europa.

Via Comici-Dimai

Si tratta di una via simbolo dell’arrampicata in Dolomiti. È molto impegnativa e molto frequentata per la bellezza e l’eleganza della via in generale. I punti di partenza per raggiungere la via sono da Cortina d’Ampezzo e da Auronzo di Cadore. Per iniziare l’arrampicata bisogna prima entrare nel sentiero del “Giro delle Tre Cime”*. La via attacca sulla sommità di uno zoccolo che si sale da sinistra verso destra lungo una fessura a gradoni.
Per quanto riguarda la discesa, lungo la cengia circolare si raggiunge verso destra il percorso della via normale sul versante sud. Bisogna scendere un canale camino con due corde doppie da 50 metri e, continuando con l’arrampicata, si giunge fino alle ghiaie sottostanti. Seguendo gli omini di pietra verso sinistra e con una breve doppia ci si porta in prossimità di una forcella. Raggiunta la forcella, sul versante sud-est, ci si affaccia su un ripido canalone (est) che si scende con numerose corde doppie o arrampicando. Il salto finale lo si evita traversando lungo la cengia verso sinistra e raggiungendo il canalone detritico che divide la Cima Grande dalla Piccola.

Attrezzatura: portare nuts e friends con misure medio-grandi.
La via è ben chiodata, composta da meno di una ventina di tiri, con passaggi di 6° e 7° grado.
Via alpinistica con difficoltà obbligatoria: 5+/A1
Punti di appoggio: Rifugio Auronzo, Rifugio Lavaredo, Rifugio Locatelli

*Come raggiungere la Tre Cime di Lavaredo

Dove dormire

Pernottamento a Cortina d’Ampezzo
Pernottamento ad Auronzo di Cadore
Pernottamento nella zona delle Tre Cime/3 Zinnen in Alta Pusteria

Hotel