von 10.03.2017

Arte in fondo a un lago delle Dolomiti

Si intitola #OP17 l’originale iniziativa che vede la partecipazione di 4 importanti artisti e la collaborazione del Mart di Rovereto, del Muse di Trento e della Fondazione Museo Storico del Trentino.

Ogni dieci anni, il rinomato Lago di Molveno viene fatto svuotare dalle sue acque per motivi di manutenzione e, per riempire questa landa desolata, l’Amministrazione comunale ha proposto un programma di opere d’arte e di iniziative culturali nei suoi 50 m di profondità.

I quattro artisti coinvolti sono il bassista dei Marlene Kunst Luca Lagash, Alessandro Cremonesi, l’artista visivo MOG e l’autore tedesco Thomas Boehm.

Lo scopo dell’Opera dello Svelamento, Conoscenza e Rinnovamento delle acque di Molveno – in breve #OP17 – è di creare una potente relazione “artistica” tra il processo di svuotamento e riempimento delle acqua del lago di Molveno e le operazione dei chirurghi quando sono impegnati nell’operazione di deviazione artificiale dei flussi sanguigni del cuore.

Alcune opere sono già state create nei mesi scorsi. Il primo “intervento” è stato fatto il 19 febbraio con la posa di un tavolo in legno lungo 100 m, a simboleggiare un punto di incontro tra le persone per creare dibattiti con personaggi della cultura e della scienza. “Tavolo – il Palcoscenico dell’interazione”, questo il titolo dell’iniziativa, rimarrà sulle sponde del lago fino al 12 maggio 2017.

Il vero e proprio progetto è iniziato il 1 marzo 2017 quando è stato inaugurato Paesaggio Sonoro (Soundscape), ovvero un percorso onirico di suoni a 50 m di profondità all’interno del Lago di Molveno. L’opera vuole evocare la voce del lago tramite un impianto acustico che occuperà un’area totale di 300 mq (visitabile fino ad aprile).

Dal 29 aprile, invece, sarà inaugurata l’installazione permanente della Scultura monumentale di MOG.

La conclusione del progetto è prevista per il prossimo 3 giugno 2017, quando le acque di Molveno faranno ritorno nel bacino.

In quella stessa giornata ci sarà anche l’immersione della Capsula del Tempo.

Hotel