11.05.2018

Bandiere Blu 2018: si confermano i 10 laghi trentini

In questi giorni sono state assegnate le nuove Bandiere Blu 2018 dalla Foundation for Environmental Education (FEE). Il riconoscimento riguarda tutti i Comuni rivieraschi e gli approdi turistici del territorio italiano.

Anche quest’anno sono arrivate le riconferme. In Trentino sono state premiate le stesse 10 spiagge dell'anno precedente tra cui: località Piazze a Bedollo, la spiaggia Lido di Baselga di Pinè, San Cristoforo, la spiaggia di Levico Terme, il lido spiaggetta di Caldonazzo, le Barche/al pescatore/Riviera di Calceranica, la spiaggia di Tenna, il Lido Marzari/Bertoldi di Lavarone, la spiaggia Roncone di Sella Giudicarie e Porto Camarelle di Bondone.

Per poter ricevere questo titolo bisogna possedere specifici requisiti (a seguire). Generalmente vengono premiate solo quelle spiagge e approdi turistici che, negli ultimi quattro anni, hanno riportato delle analisi di qualità delle acque di balneazioni di livello eccellente. A raccogliere ed esaminare le prove sono responsabili, oltre alle Amministrazioni locali, anche le Agenzie Regionali per la Protezione dell’Ambiente (ARPA) e il Ministero della Salute in collaborazione con il Ministero dell’Ambiente.

Sempre le Amministrazioni locali hanno dato anche grande rilievo alla gestione del territorio ed all’educazione ambientale al fine di preservare l’ambiente e promuovere il turismo sostenibile. E' stato possibile solamente seguendo specifici indicatori quali: l’esistenza ed il grado di funzionalità degli impianti di depurazione; la percentuale di allacci fognari, la gestione dei rifiuti con particolare riguardo alla riduzione della produzione, alla raccolta differenziata e alla gestione dei rifiuti pericolosi; le iniziative promosse dalle Amministrazioni per una migliore vivibilità nel periodo estivo; la valorizzazione delle aree naturalistiche presenti sul territorio; la cura dell’arredo urbano e delle spiagge; la possibilità di accesso al mare senza limitazioni.

I criteri di assegnazione - imperativi e guida

- Assoluta validità delle acque di balneazione secondo regole più restrittive di quelle previste dalla normativa nazionale sulla balneazione (solo quelle classificate come “eccellenti”); regolari campionamenti delle acque effettuati nel corso della stagione estiva.

Tali criteri sono imperativi e solo se rispettati si può accedere alle successive valutazioni

- Efficienza della depurazione delle acque reflue e della rete fognaria allacciata almeno all’80% su tutto il territorio comunale;

- Raccolta differenziata, corretta gestione dei rifiuti pericolosi;

- Vaste aree pedonali, piste ciclabili, arredo urbano curato, aree verdi;

- Spiagge dotate di tutti i servizi e di personale addetto al salvamento, accessibilità per tutti (abbattimento delle barriere architettoniche);

- Ampio spazio dedicato ai corsi d’educazione ambientale, rivolti in particolare alle scuole ed ai giovani, ai turisti e residenti;

- Diffusione dell’informazione su Bandiera Blu, pubblicazione dei dati sulle acque di balneazione;

- Strutture alberghiere, servizi d’utilità pubblica sanitaria, informazioni turistiche, segnaletica aggiornata;

- Certificazione ambientale e/o delle procedure delle attività istituzionali e delle strutture turistiche presenti sul territorio comunale;

- Presenza d’attività di pesca ben inserita nel contesto della località marina.

Hotel