09.06.2018

Dalle Dolomiti il più antico fossile di lucertola al mondo

Fino a pochi giorni fa il mondo della scienza aveva datato l’origine dei rettili a 75 milioni di anni fa, ma nelle Dolomiti della Val Pusteria in Alto Adige, più di 20 anni fa, era stato rinvenuto un fossile di lucertola che nel 2018 riscrive la storia dei serpenti e degli altri piccoli rettili. Dai 75 milioni di anni la data deve cambiare e tornare indietro fino a 255 milioni, nel Triassico prima della più profonda estinzione di massa della storia.

Negli anni di ricerca, tutta italiana, hanno partecipato il MUSE – il Museo delle Scienze di Trento, il Centro di fisica teorica Abdus Salam di Trieste, il Centro Enrico Fermi di Roma e l'acceleratore di particelle Elettra di Trieste.

Il fossile rinvenuto è una piccola lucertola dal nome Megachirella wachtleri. Dopo attente analisi i paleontologici sono riusciti a staccare virtualmente il fossile dalla roccia scoprendo dei tratti nuovi e finora sconosciuti. Ciò è stato possibile grazie a delle tecnologia moderne come immagini 3D, microtomografia a raggi X e radiazioni di sincrotrone. Le immagini e i risultati ottenuti hanno permesso agli studiosi di dichiarare questo piccolo rettile come una sorta di Stele di Rosetta dell’evoluzione degli squamati (gruppo di appartenenza di lucertole e serpenti).

Inoltre, il ritrovamento è diventato anche uno tra i più importanti fossili mai rinvenuti nel nostro Paese.

Hotel