von 05.05.2011

Dolomiti Unesco: Belluno si astiene dal bilancio

La Provincia di Belluno ha deciso di astenersi dall'approvazione del bilancio consuntivo 2010 della Fonadazione Dolomiti Unesco. Il motivo? Il consistente avanzo di bilancio: 524 mila euro. Una cifra eccessiva secondo la provincia di Belluno, sinonimo di una poca operatività della Fondazione. Sorpresi gli assessori delle altre province, pronta la risposta del segretario generale Campeol.

Il mancato voto della provincia di Belluno non è vincolante per l'approvazione del bilancio, ma crea sicuramente scompiglio, considerando anche il fatto che la Provincia di Belluno ha la presidenza di turno della Fondazione.

La lettura del bilancio è toccata all'Assessore De Gan, che ha sostituito l'assessore al Turismo e delegato nel CdA della Fondazione, il quale spiega il motivo della mancata approvazione del bilancio: "Troppi soldi in cassa, una cifra esagerata. I soldi non sono stati spesi e quindi la Fondazione ha fatto troppo poco. L'astensione vuole essere una sollecitazione a fare di più e in fretta, visto che quest'anno l'organismo internazionale verrà a verificare a che punto siamo".

Anche se non mancano altre critiche alla Fondazione, come l'aver proceduto ad assunzioni, la scelta del logo e l'aver deciso di affidare ad una società di Bolzano l'incarico di sviluppare la strategia per il turismo sostenibile.

Sorpresi gli assessori delle altre province partecipanti, che non hanno apprezzato le parole e il voto di De Gan.

Il segretario generale Campeol, risponde alle critiche evidenziando come:"la Fondazione sia effettivamente operativa solo da marzo 2011 e non ci siano stati i tempi materiale per mettere in atto le attività. Nel 2010 la Fondazione non esisteva e comunque, tutto il consiglio direttivo, ad eccezione di De Gan, ha difeso l'operato della Fondazione."